“Fantascienza Italiana” di Giulia Iannuzzi. Le riviste e i romanzi che introdussero lo sci-fi nel Belpaese.

Posted on novembre 25, 2014

0



Fantascienza italiana_CronacaQui 20112014_Scacchi Mauro

Fantascienza italiana_CronacaQui20112014_Scacchi Mauro

Fantascienza italiana (Giulia Iannuzzi; Mimesis, Milano-Udine 2014; pp. 364, € 30), recensione sul quotidiano di Torino CronacaQui, 20 novembre 2014

La fantascienza è un genere molto noto ma non è sempre stato così, anzi lo stesso termine, fantascienza, prima del 1952 nemmeno esisteva: lo coniò Giorgio Monicelli, fratello del famoso regista, per tradurre l’inglese science-fiction. Monicelli, nipote di Arnoldo Mondadori, diede vita a “I Romanzi di Urania” il 10 ottobre del ’52; proprio nel primo numero (“Le sabbie di Marte” di Clarke), comparve il neologismo che oggi suona tanto familiare. Giulia Iannuzzi, laurea in Lettere a Milano, dottorato in Italianistica a Trieste, è sempre stata un’appassionata e scrupolosa studiosa di sci-fi, storia dell’editoria e nuovi media. Tra i suoi lavori: “L’informazione letteraria nel web” (Biblion, 2009). Il volume che la consacra esperta del settore che qui interessa è il recente “Fantascienza italiana” (Mimesis, 2014), con premessa di Carlo Pagetti, sottotitolo “Riviste, autori, dibattiti dagli anni Cinquanta agli anni Settanta”. Una miniera d’informazioni ma soprattutto la prima opera dopo decenni che affronta la materia in modo storico e organico. Si tratta d’un viaggio alla scoperta delle radici della fantascienza nel nostro Paese. “Urania” non fu certo l’unico titolo che uscì in edicola. Le riviste “I Romanzi del Cosmo”, “Oltre il Cielo”, “Galassia”, “Futuro” e “Robot” (quest’ultima ora edita da Delos Books), ebbero il pregio di soddisfare il bisogno crescente di coniugare innovazione tecnologica reale (nel 1957 vi fu il lancio dello Sputnik, ad esempio) e letteratura dell’immaginario. A dare fiducia e impulso alla narrativa fantascientifica, per molto tempo poco considerata dagli accademici, furono coraggiosi editori, curatori, traduttori e autori di diversa estrazione sociale, ideologia politica e capacità; a loro dobbiamo parte del nostro bagaglio culturale.

Mauro Scacchi

Fantascienza italiana_CopertinaGiorgio Monicelli_disegno di Carlo Jacono

Copertina del libro e Giorgio Monicelli disegnato da Carlo Jacono.

Annunci
Posted in: CRONACAQUI (TO)