“Il mio nome è Nessuno”. Il mito di Ulisse non tramonta mai.

Posted on aprile 25, 2013

0



Il mio nome è Nessuno_CronacaQui 18042013_Scacchi

Il mio nome è Nessuno. Il giuramento. (Valerio Massimo Manfredi; Mondadori, Milano 2012; pp. 360, € 19) recensito su CronacaQui, 18 Aprile 2013

Sono passati quarant’anni dallo sceneggiato “Odissea” trasmesso dalla Rai. Una vita fa: con Franco Rossi alla regia, ogni puntata era preceduta da una lettura di Giuseppe Ungaretti. Eppure la figura dell’omerico Ulisse non smette di affascinare. Ne è riprova l’ultimo capolavoro di Valerio Massimo Manfredi, “Il mio nome è Nessuno. Il giuramento” (Mondadori, 2012). L’autore, archeologo, è romanziere, saggista e conduttore televisivo. Chi, per distrazione, non lo conoscesse ancora, può visitare il sito www.valeriomassimomanfredi.it. Venti tra romanzi e raccolte di racconti, più cinque saggi, danno un’idea dell’impegno profuso da Manfredi nel divulgare il nostro comune retaggio culturale attraverso opere avvincenti e ben documentate. “Il giuramento” è il primo di due libri che raccontano le gesta di Odysseo, Ulisse, colui che rispose “Nessuno” al ciclope Polifemo quando gli chiese il nome. L’eroe racconta la sua vita in prima persona dalla fanciullezza fino alla fine della guerra di Troia. In un’epoca di violenza egli preferisce l’ingegno allo scontro fisico. L’Ulisse di Manfredi è, prima di tutto, un uomo con sentimenti e contraddizioni comuni. A distinguerlo dalla massa: la sua grande intelligenza, il sapersi rendere mediatore nei conflitti e la vicinanza della dea Athena. Figlio di Laerte re di Itaca, uno dei valorosi Argonauti, è ben deciso a tenere uniti coloro i cui padri compirono assieme imprese mirabili. Il giuramento, suggerito dall’itacese e prestato dai signori greci, è quello di difendere l’onore di Elena di Sparta. Quando Paride porta via con sé la fanciulla a Ilio si scatena la guerra cantata da Omero nell’Iliade. Compaiono nomi famosi, Agamemnon, Menelao, Herakles, Achille, Ettore, ma ciò che più delizia sono i personaggi meno noti come Diomede, Nestore, Eumelos, Àias di Telamon e molti altri le cui vicende arricchiscono la trama. In attesa del seguito tratto dall’Odissea, “Il ritorno”, non resta che immergersi nell’epica classica più famosa di sempre.

Mauro Scacchi

Il mio nome è Nessuno. Il giuramento_CopertinaValerio Massimo Manfredi 1

Annunci
Posted in: CRONACAQUI (TO)