“The Prestige”. Quando la morte non è un trucco.

Posted on agosto 28, 2012

0



Quando la morte non è un trucco.    (Recensione a The Prestige su CronacaQui del 23 agosto 2012).

 

Christopher Priest, The Prestige (Miraviglia Editore, Reggio Emilia 2012; pp. 448, € 18)

Christopher Priest, classe 1943, inglese, conquistò notorietà nel 1974 con il romanzo “Inverted World”, vincitore nello stesso anno del Prix British Science Fiction e pubblicato in Italia l’anno successivo con il titolo “Il mondo alla rovescia”. Ispirato dalle opere del connazionale H. G. Wells, spaziò dalla fantascienza al fantastico utilizzando uno stile originale e denso di visioni distopiche. Dal 2006 Vice Presidente della International H. G. Wells Society, Priest è considerato uno dei maggiori scrittori nell’ambito dei generi da lui toccati; rimane purtuttavia ancora poco conosciuto, specialmente nel nostro Paese. “The Prestige” è forse il suo lavoro migliore, da quest’anno pubblicato finalmente in italiano da Miraviglia Editore. Stampato per la prima volta nel ‘96 e vincitore del World Fantasy Award (1996), “The Prestige” venne adattato per il cinema, con omonimo titolo, da Christopher Nolan nel 2006. Il film, riuscitissimo, vide tra gli attori Christian Bale, Hugh Jackman, Scarlett Johansson, Michael Caine e David Bowie. Se la pellicola risulta molto gradevole e ben congegnata, il libro è un’autentica sorpresa. La storia narra di due illusionisti del XIX secolo d.C., il povero Alfred Borden e l’aristocratico Rupert Angier. Ossessionati dai propri trucchi, Borden e Angier cercano di carpire i segreti l’uno dell’altro finché non arrivano a sfidare la morte stessa per padroneggiare l’ultimo e più spettacolare prestigio, il «Trasporto Umano». La realtà, la finzione e addirittura quella che parrebbe essere vera magia si mescolano in un racconto che procede per punti di vista, seguendo i pensieri dei singoli protagonisti. La parte più lunga è la quarta, il diario di Angier, da cui emerge l’ammirazione, ma anche l’invidia, per il rivale Borden, e in cui fa capolino la figura di Nicola Tesla, geniale ed enigmatico scienziato realmente esistito. Priest porta la letteratura dell’immaginario sulle soglie della metafisica, sovvertendo «in un lampo» ogni nostra certezza.

Mauro Scacchi

Annunci
Posted in: CRONACAQUI (TO)